lunedì 28 aprile 2014

l'ultima cena dei 300 spartani: AUG AUG gli gnumariddi di LEO



Un mese di riposo  per concentrarmi, per ritrovare la mia identità, la mia ricerca. Un piccolo angelo che è ritornato al cielo,  ma "the show must go on" cantava Freddy Mercury...e così Il ritorno della mia ironia.
Sì l'ironia, quella musa ispiratrice che nel mese del Suflè, mi aveva abbandonato.Se avessi partecipato alla sfida proposta da Fabiana avrei fatto un Giuflè ... ma qua stiamo parlando di Mtc, e non potevo permetterlo.
Quell'ironia che è per me acciaio che mi permette di spezzare la noce di capocollo ad Ironman. Non a caso ironia è il femminile di Iron...o forse

Mai: eco sei tornato. a dire scioquesse,
leo: dove siamo rimasti con Mtc, mi sono perso un mese
mai: che pasa? ti è tornata l'ironia?
leo: si. le mie amiche Mtc sentono la mia mancanza. Sono sicuro che anche la Serbelloni si è posto questo problema.
mai: ma che dici? siamo stati bene senza te...comunque ha vinto Cristina
leo: Cristina? quella bionda ?  ahahaha...si quella de Roma, la Sagittaria. e che ultimamente vanno di moda le biondazze. Vincono sempre loro. Perchè non ti fai bionda?
E' fu così che caddi in un sonno profondo, cosa mi lancio' questa volta non lo so.

LEONIDA: μύδι   άνθρωπος ( uomo cozza )
io: chi sei?
LEONIDA: Λεωνίδας   (leonida)
io: non capisco niente, aspett',  mo chiamo la maddalena quella che mi aiuto' con shakespear nella mia ricetta del raviolo del plin.
MADDALENA: va be ma mi devi dare 50 dracma ferro...
io: va bene.

LEONIDA: come stai? sei stato colpito ad un occhio...
io: oddio ho perso un occhio
LEONIDA: si ora hai solo un bell'occhio
io: ma come è successo e dove siamo? come sono vestito ? non ricordavo di avere questo fisico tutto bello muscoloso e fotografato...
LEONIDA: siamo nelle termopili, per fermare l'avanzata di Serse, l'imperatore dei persiani...siamo solo 300 Spartani
IO: lo so che Taranto è stata fondata dai figli illeggitimi di Sparta, ma che ci faccio qui io? Ormai sono tarantino.
LEONIDA: tuo padre ti ha riconosciuto e per farsi perdonare del suo  abbandono ti ha Donato il diritto ad entrare nella nostra armata. Ora sei spartano a tutti gli effetti.
Io: ma non poteva farsi gli affari suoi? stavo bene io al mare.
LEONIDA: Oggi ci sarà la battaglia finale. I persiani hanno scoperto il passaggio segreto...sono piu' di 100000 e noi siamo solo 300...oggi si farà la storia. all'alba moriremo tutti e diventeremo leggenda.
SPARTANI: AUG, AUG
io: senti caro Leonida, facciamo così. A parte che a me i gatti non piacciono,  io torno in dietro e cerco rinforzi.
LEONIDA: no...questo compito glielo dato a Delios
Io: sempre lui, e poi ha un occhio bendato
LEONIDA: pure tu
io: ma il mio è piu' bello
LEONIDA: Stai zitto io sono il Re, cucina qualcosa di pittoresco, questa sarà l'ultima cena prima di passare alla storia. farai questo in memoria di noi.
io: ma L'ultima cena l'ha dipinta Leonardo da Vinci.
LEONIDA: non dire sciocchezze, vai a cucinare qualcosa
SPARTANI: AUG, AUG

Così mi munii di lancia e andai a cercare qualche bestia da cucinare. Vidi in lontananza un capretto e comincia ad inseguirlo. Dopo un po' di perizie l'animale fu mio. Intanto si avvicinava DELIOS.
IO: delios non so proprio cosa cucinare
DELIOS: vediamo un capretto? bene ti daro' la mia ricetta speciale, ma per affamare 300 spartani abbiam bisogno piu' bestie.
IO: va be chiediamo un miracolo dal signore
DELIOS: quale signore,
IO: va be te lo spiego tra 480 anni
DELIOS: ma questo è matto...
intanto si moltiplicavano i capretti...

IO: Delios , vieni vieni ti devo dire una cosa all'orecchio. Ho un idea.  io lo so che vuoi morire a fianco di Leonida, ed io mi sacriferò per te. Tu mi affidi la ricetta ed io cucino per tutti i 300 spartani. Poi ritornero' a Sparta e raccontero' al consiglio degli anziani non solo dell'impresa dei trecento, ma anche della tua ricetta nell'ultima cena. Così tutti il mondo conoscerà e faranno questo in memoria del grande Leonida. Che ne dici?
DELIOS: si mi piace UOMO COZZA. grandissima idea. e poi avendo anche tu   un occhio solo, gli anziani  penseranno che sono io. Leonida infatti ha inviato un messaggero che avvisasse Sparta che un uomo con un occhio solo sarebbe giunto per guidare l'esercito Greco verso la vittoria finale contro Serse.

Quella sera io preparai gli nghiemeridd di Delios a tutti i trecento uomini.
All' alba questi soldati tranne me morirono nella termopili, divenendo leggenda. Quanto a me, ritornai a Sparta e parlai agli anziani per convincerli ad entrare in guerra contro Serse.  Riuscii in questa missione   grazie alla descrizione della ricetta.  Gli anziani infatti stupiti incaricarono una specie di scriba a trascrivere la ricetta. Tuttavia , per uno strano caso del destino , lo scrittore sbagliò il nome della ricetta: da nghiemeridd di Delios con un occhio, la ricetta fu tramandata come nghiemeridd di Leo con bell'occhio.
Ecco l'ultimo discorso. AUG AUG AUG
http://www.youtube.com/watch?v=MyhMCdGLtEU

NGHIEMERIDDE  DI LEO

Premessa:
Gli gnumariddi o NGHIEMERIDDE sono degli involtini di circa 5 cm fatto con l' interiora di fegato, polmone e rognoni di agnello o di capretto  stretti con il budello di agnello o di capretto . E' un piatto tipico della regione puglia. Il nome deriva dal latino Glomus,glomeris  che significa appunto gomitolo. Si cucina alla griglia.
Nella mia versione ho cambiato un po' di cose sia nella preparazione che nell'uso della pancetta al posto del budello di agnello ( qui  al nord per ragione di sicurezza sanitaria e alimentare non puo' essere venduto). Altra modifica è non ho usato la griglia perchè sprovvisto.





INGREDIENTI:
400 g misto di 2 pezzi di fegato 2 di cuore due 2 reni di capretto
olio extra vergine q.b
1 rametto di rosmarino
100 g di pancetta.

PROCEDIMENTO
il procedimento è molto semplice. Per prima cosa ho pulito gli organi dal grasso, e li ho tagliati a pezzetti.
In una pentola con dell' olio EVO e 1 rametto di rosmarino ho soffritto i pezzetti dell'interiora di capretto per una decina di minuti. Ho preso un foglio di carta assorbente  in modo assorbire l'olio. Poi ho preso uno stuzzicadenti di circa 5 cm e ho infilato come se fosse uno spiedino i vari pezzetti. In seguito ho preso della pancetta e con un coltello l'ho tagliata per formare delle strisce di ca. 1 cm di larghezza  x 15 cm di lunghezza.  La striscia di pancetta  viene arrotolata  allo spiedino fino a coprirlo del tutto.
INFINE prendere una padella alla piastra e ponete gli gnumariddi e quando vedete che la pancetta e ben cotta e croccante il piatto è pronto.


con questa ricetta nghiemeridd di LEO partecipo alla sfida n. 38 di mtc














27 commenti:

  1. Forte il tuo blog in tutto !!!!!!!
    SI GRUOSS !!!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. e gnumariddi siamo!!!! ma voi due assieme siete magici!!!!

    RispondiElimina
  3. Una quasi stigghiola! Forte, la ricetta e il racconto!

    RispondiElimina
  4. Ecco, FIna mi ha preceduta… a questa tornata mi vedo superata da tutti… e non parlo di altezza! OH!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma che dici...tu sei la fornostar...grazie stefy

      Elimina
  5. ...ma non ti si può lasciare da solo!!???
    Quando torno ti spiego con cosa ti ho dato la mazzata in testa, questa volta....

    p.s. Ricordati che prima o poi torno, non sarebbe male trovare il pranzo pronto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. va bene cucinero' sempre io,ma .sei tu che non vuoi ahahaahh

      Elimina
    2. adesso mi godo la illusa libertà

      Elimina
  6. Grazie, hai cucinato un piatto che mi riporta alle mie estati passate in assolate masserie salentine, spettacolo!!!

    RispondiElimina
  7. Te sei pazzo! :D
    Ma sono felicissima di rileggerti!! Ci sei mancato eccome Cozzaman :D

    RispondiElimina
  8. non ho usato la griglia perché sprovvisto... ahahahah :D
    mi hai fatto morire con questo racconto! concordo con elisa: te sei pazzo, cozzaman, ma miticooooooo!!!!!

    RispondiElimina
  9. bellissimo post!
    bellissima ricetta.
    però tu sei matto... ma matto da legare! legato come gli gnumariddi :-)))

    RispondiElimina
  10. Bisognerebbe farti un monumento!! Sto ridendo come una scema...
    Io voglio vivere con te e la Mai...mi adottate???

    RispondiElimina
  11. la Serbellona si strappava i capelli per la tua assenza. Esattamente come facevano le prefiche (tuttattaccato) per i Trecento alle Termopili. Ma tu, da solo, vali molto di più.
    Bentornatoooooooo
    ps sulla moltiplicazione dei capretti ho avuto un cedimento :-)

    RispondiElimina
  12. sei sempre il solito :D
    fantastica ricetta Leo ma ancor di più il tuo post!

    RispondiElimina
  13. Cazzo cozzaman so stanca na cifra e tu mi tiri fuori anche il video che come una deficiente mi son visto tutto!! Proprio con me dovevi decidere di tornare?? Ma sei tornato per me, per la Serbellona che si strappava i capelli o per le frattaglie? Perché i pochi uomini dell'MTC son tutti impazziti...Circondata da fegati, cuori e cervelle mi hai fatto fare due risate...grazie bello e non ti permettere di dire che sei giù: a gente come te non è concesso...è tosta lo so, ma tu sei uno tosto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cristiana...non sono tornato io...ma la mia ironia...io c ero sempre...forse

      Elimina
  14. Leo con bell'occhi, direi!
    Sei tornato e sei tornato alla grande, con il tuo stile e la tua penna, per fortuna, aggiungo io.
    La ricetta è di quelle da assaporare in compagnia di un buon vino e tante risate, peccato essere distanti.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  15. Tu sei folle!!!! ma mi fai morire con i tuoi racconti!! ma la ricetta ... :-)!!!

    RispondiElimina
  16. L'ho detto e lo ripeto. Sei fuori come un balcone.
    Probabilmentge è per questo che è un piacere leggerti e visto il risultato magari conviene che partecipi mese sì e mese no. Scherzo, of course.
    Grande come sempre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hahah...gianni tu sei un grande...

      Elimina
  17. Leo, sei un grandissimo e i tuoi racconti fanno sempre morire dal ridere. :-D
    Il fatto è che sono così divertenti da far passare in secondo piano la ricetta, che è strepitosa. Geniale la sostituzione del budello con la pancetta: io mi sarei arresa, tu hai cercato un'alternativa!
    Sono felice che la tua grande autoironia sia tornata, ma sono dispiaciutissima per la tua perdita. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  18. Leo sei tornatoooooo!!!!
    Bellissimo post, sto ridendo troppo.......
    ..te lo spiego fra 480 anni....hahahahahahaha
    E questi gnummaridd liho scoperti con il film basiicata coast to coast, ma mai assaggiati...... bisogna farli, le budelline te le procuro io, qui si trovano eccome!

    RispondiElimina